Riscoprire Caserta, il giovedì canonico si apre al gioco urbano

Riscoprire Caserta, il giovedì canonico si apre al gioco urbano

-Giovedì 21 ottobre 2021, alle ore 17:00, si riunisce a Caserta “La Canonica”, presso la sua sede di Piazza Ruggiero n°1, per il suo terzo appuntamento in programma che prevede questa volta, dopo due presentazioni di libri, la conferenza di Stefano Malorni dal titolo “Un gioco urbano a Caserta: racconto di un’esperienza e di un approfondimento su un modo innovativo di riscoprire la città e la sua cultura”. C’è molta attesa per questa conferenza sul tema dell’Urban Game Design che, come hanno già sperimentato recentemente in altre città d’Italia, permette di progettare giochi urbani pensati come eventi collettivi che coinvolgono la città e i suoi abitanti. Proprio perché il gioco coinvolge attivamente chi vi partecipa, esso può essere abilmente utilizzato in molti ambiti. In questo caso come strumento di divulgazione della storia e la cultura locale ma può essere utilizzato nell’ambito della pianificazione e progettazione urbana come orientamento alla costruzione partecipata di visioni, scenari e progetti per il futuro. Tanto più se consideriamo che la partecipazione si rivolge principalmente ai giovani, sia singolo che partecipanti ad associazioni locali, ai creativi, agli operatori giovanili, agli educatori, agli insegnanti e ai gruppi informali. Di fatto le gioco/simulazioni possono essere considerate dei veri e propri laboratori sperimentali ‘sicuri’ con cui sperimentare comportamenti e modelli delle scienze sociali legate all’ambiente urbano e, pertanto, agiscono da catalizzatori per innescare processi di crescita e di coesione sociale, facendo emergere nuovi talenti e nuove prospettive per il futuro. Stefano Malorni si è occupato di approfondire queste tematiche a partire da un’esperienza di gioco urbano che si è svolto a Caserta nel 2019 e dal nome “Il Segreto dei Borbone”, progettato dal Prof. Enzo Gagliardi e promosso dal Comitato Caserta Young, in collaborazione con l’Associazione Gianluca Sgueglia e guidato dalla presidente Maria Luisa Ventriglia. Nell’ambito di questo gioco urbano, Stefano Malorni si è occupato di analizzare l’esperienza e di avanzare delle ipotesi per la sua digitalizzazione e trasformazione in un’esperienza replicabile in maniera continuativa per avvicinare i giovani e i meno giovani alla scoperta della storia, delle bellezze e tradizioni di Caserta, configurandosi anche come uno strumento utile per il rilancio del turismo cittadino, allargato a tutto il territorio e non confinato soltanto alla Reggia. Inoltre, Stefano Malorni tratterà anche di come il gioco possa configurarsi come uno strumento per valorizzare e favorire la fruizione dei beni comuni culturali e urbani, illustrando esperienze e iniziative svolte in Italia e all’estero.

Stefano Malorni è un Designer con esperienza pluriennale nel terzo settore, con focus particolare sulla comunicazione e sulla progettazione. Specializzato in Design della Comunicazione (Master post-Laurea) e in Europrogettazione (Master non universitario) con una laurea in Scienze dell’Architettura presso la “Federico II” di Napoli, si occupa attualmente di progettazione integrata per l’innovazione sociale e digitale. In precedenza ha progettato tra gli altri, la “Ri-costruzione della torre campanaria della Chiesa dei SS. Pietro e Paolo, Morra De Sanctis (AV)”. Ha studiato a Caserta presso il Liceo Scientifico A. Diaz ed è vice-Delegato a Caserta dell’Accademia Italiana della Cucina, Istituzione Culturale della Repubblica Italiana. La cucina, tra tradizione e innovazione, è infatti una delle sue passioni insieme al design, le arti applicate e al viaggiare.

L’accesso alla conferenza, come da norme vigenti, sarà consentito alle persone munite di “green pass” fino all’esaurimento dei posti disponibili, la cui collocazione rispetta le norme di distanziamento raccomandate. Per garantirsi un posto è, però, possibile effettuare anche una prenotazione inviando una e-mail all’indirizzo antonio.malorni@cnr.it .

Comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9784 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Sisca, si riunisce la Società italiana Storia della critica d’arte

Maria Beatrice Crisci -E’ fissata per venerdì 16 settembre l’Assemblea della SISCA, la Società italiana di Storia della critica d’arte, presieduta dal professore Massimiliano Rossi dell’Università del Salento. L’appuntamento è

Primo piano

Musica al tempo di Vanvitelli, alla Reggia il duo Sollini-Barbatano

Luigi Fusco -La musica classica torna alla Reggia di Caserta con l’evento Musica al tempo di Vanvitelli, iniziativa a cura dell’Orchestra da Camera di Caserta diretta da Antonino Cascio.L’appuntamento è

Primo piano

La cravatta di Felicori. Ma che filosofo quel direttore!

(Beatrice Crisci)                La Reggia di Caserta sotto la cura Felicori registra numeri da boom economico, tutti i trend sono in forte ascesa. Lui ora ha preso in cura Terrae Motus,