Un morso alla sfogliatella riccia, il dolce inventato dalle suore

Un morso alla sfogliatella riccia, il dolce inventato dalle suore

Luigi Fusco

– Tra i dolci tipici della tradizione pasticcera napoletana un posto di riguardo è, certamente, riservato alla sfogliatella. Insieme al babà e alla pastiera forma un trittico dolciario unico nel suo genere, le cui caratteristiche sono la singolare bontà, la semplicità degli ingredienti impiegati per la preparazione e la composizione delle loro forme. Dalle loro sagome è nata, poi, una specifica dimensione oleografica partenopea, il cui portato figurativo, ancora oggi, sollecita tutti i cinque sensi dell’immaginario collettivo, soprattutto quello afferente alla moltitudine di turisti che, ogni anno, giungono a Napoli. Non c’è un singolo visitatore, in giro per il centro storico dei decumani o per il percorso monumentale di via Toledo, disposto a rinunciare all’assaggio di uno di questi dolci, preferendo, per la maggiore, la mitica sfogliatella. Più duttile nella consumazione in stile take away, rigorosamente calda, riccia più che frolla, la sfogliata è, di certo, tra le “paste” più antiche di Napoli.

Secondo alcune narrazioni, pare sia stata creata dalle suore di clausura di San Gregorio Armeno. Complesso conventuale, da cui prende il nome l’omonima strada dei maestri presepiali, venne fondato, nel X secolo, sui resti del tempio di Cerere, divinità protettrice della terra e della fertilità. Questo santuario era tra i più importanti edifici sacri dell’antica Neapolis, visitato, per lo più, da donne che chiedevano grazie, interventi prodigiosi che garantissero una copiosa prole. Pertanto, recavano in dono a Cerere degli ex voto raffiguranti il proprio utero.

ex voto

Le forme e le dimensioni di questi singolari oggetti devozionali, di cui alcuni esemplari si conservano presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, riportano a quelle della sfogliatella riccia: dalla sinuosità delle linee di contorno a quelle ondulate che ne coprono la parte superiore. Insiste tra questi ex voto e la sfogliata un interessante sincretismo pagano-cristiano, la cui definizione afferisce alle tematiche concettuali legate ai processi di morte, di rinascita e, più in generale, di ciclicità della vita.

La sfogliatella, di per sé, è un dolce tipico della tradizione conventuale, elaborato da donne che, non sempre per loro scelta, si erano votate alla clausura e pertanto risultavano esser morte per il “secolo”; difatti, non era possibile per loro aver contatti con nessuno e di conseguenza il loro carattere diveniva, negli anni, più aspro, tagliente nei tratti e nei modi; la dimensione immaginifica della natura umana di queste suore rimanda, per certi versi, alla sfoglia ruvida che l’avvolge superiormente; se, però, si riusciva a entrare nelle grazie di queste monache, lentamente si apriva un mondo fatto di dolcezza, la cui bontà è, ora, equiparabile a quella della sfogliata riccia, in quanto dopo aver dato il primo morso, il cui impatto non è subitaneamente felice, si comincia a gustare qualcosa di unico per la piacevolezza del sapore, delicato e sensuale allo stesso tempo.

Luigi FuscoDocente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6794 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Quando Atteone perse la testa per Diana e diventò cervo

(Enzo Battarra) – Nel Parco della Reggia di Caserta, nel punto più elevato, a un passo dalla cascata e dalla fontana principale, dialoga con le figure mitologiche il ristorante “Diana e Atteone”.

Primo piano

Piccolo di Caserta, si ride con la commedia in 2 atti di Cechov

Claudio Sacco – Commedia divertente al Piccolo di Caserta in questo fine settimana. Al Cts, civico 6 di via Louis Pasteur, in scena ci sarà “Baci botte e … champagne” presentato dalla compagnia

Editoriale

Il giocattolo sospeso per un Natale migliore

(Mario Caldara) – Il Natale, quando si è bambini, ha senza dubbio un’aura speciale. Dal momento in cui si accendono le prime luminarie natalizie, gli occhi dei piccoli s’ingrandiscono, riempiendosi

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply