Reggia, entra la coppia sovrana Marco Lodola – Giovanna Fra

Reggia, entra la coppia sovrana Marco Lodola – Giovanna Fra

Maria Beatrice Crisci

La Reggia secondo Lodola (1)

Il primo progetto di Marco Lodola

– «Tempus – Time» è il titolo della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra a cura di Luca Beatrice che sarà inaugurata alla Reggia di Caserta il 14 giugno per poi restare aperta fino al 15 settembre. La conferenza stampa si terrà mercoledì 13 giugno alle ore 18.

In realtà era già previsto da un anno che Marco Lodola esponesse alla Reggia di Caserta, ma è cambiato il progetto. Lo ha ricordato Enzo Battarra sul quotidiano Il Mattino: «La notizia era già trapelata ed era stata riportata dalla stampa nella scorsa estate. Ad alimentarla anche lo stesso artista che ad agosto aveva pubblicato la foto del progetto di intervento luminoso sulla facciata della Reggia di Caserta, sia sul suo profilo Facebook sia in un tweet, indicando il titolo in inglese: «The house of the rising sun». Ovvero la casa del sole che sorge».

Marco Lodola_Pegaso Viola_2018_persplex e led_cm 280x180x15 (1)

Marco Lodola, Pegaso Viola, 2018

L’esposizione che aprirà il 14 giugno è organizzata da Mary Farina, anche ideatrice del progetto, e da Augusto Ozzella, con la collaborazione della galleria Deodato Arte, e gode del patrocinio del Comune di Caserta, del Madre – Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee e di Confindustria Caserta. Il titolo della mostra è un voluto riferimento al trait d’union che Marco Lodola e Giovanna Fra, grazie alle loro opere, creano fra il tempus, la dimensione temporale legata all’antichità, al classico, alla storica sede espositiva e il time, sintesi del mondo contemporaneo.

Marco Lodola_Red Woman_2018_persplex e led_cm 300x150x15

Marco Lodola, Red Woman, 2018

La Reggia di Caserta, la residenza reale più grande del mondo, accoglie il percorso espositivo composto da una selezione di opere dei due artisti, che dall’ingresso si snoda negli spazi interni, nel parco reale, fino ad arrivare agli appartamenti del piano nobile. L’immenso parco della sontuosa villa, nel raggio di un chilometro, è punteggiato da oltre venti monumentali sculture luminose di Marco Lodola che rappresentano alcuni dei suoi soggetti tipici, uomini e donne, ballerini, danzatrici, animali, figure reali e immaginarie, che metaforicamente partecipano a una festa di corte. Questi lavori, oltre al forte impatto creato grazie alla loro imponenza e alla vivacità dei colori, si caratterizzano per la loro peculiarità: l’emanare luce, che genera dinamismo, potenza, vitalità; qualità che non riguardano solamente le opere in sé, ma che vengono trasmesse anche all’ambiente circostante.

Giovanna Fra_Nel silenzio di un angelo_2017_pigmenti su tela_cm 100x100_dittico

Giovanna Fra, Nel silenzio di un angelo, 2017

Le installazioni di Lodola appaiono in grande sintonia con le tele di Giovanna Fra che accolgono il visitatore negli appartamenti reali e, caratterizzate da un forte cromatismo, incarnano perfettamente quell’arte contemporanea in cui la contaminazione di tecniche e la sperimentazione sono elementi imprescindibili. L’artista si misura con lo spazio interno e l’architettura vanvitelliana, reinterpretando nelle sue opere i motivi decorativi settecenteschi, arazzi, carte da parati, arredi barocchi e neoclassici, attraverso il linguaggio segnico, costituito da tracce di colore dalle forme imprevedibili e uniche, da textures astratte che si intrecciano con le trame del supporto digitale. I suoi lavori di matrice informale abbandonano infatti i mezzi tradizionali e, partendo da frame fotografici stampati su tela, Giovanna Fra arriva al risultato finale, percorrendo un cammino a ritroso, che la conduce a terminare l’opera con delle pennellate tradizionali, un’ulteriore dimostrazione del legame fra tempus e time e nel caso specifico del “passaggio da time a tempus”.

Seppure provenienti da formazioni diverse i lavori di Marco Lodola e Giovanna Fra creano un profondo dialogo e si completano vicendevolmente, ma soprattutto instaurano un forte legame con il luogo che li ospita. Luca Beatrice scrive nel testo dedicato alla mostra: “Dialogare con stucchi, decorazioni, pitture di genere e, soprattutto, con un’architettura di inestimabile pregio può costituire infatti una sfida ardua eppure affascinante per gli artisti contemporanei, a partire dall’utilizzo di materiali anomali che solo da poco sono entrati nel novero appunto dell’artisticità. Senza contare volumi, cubature e l’immensità di un parco che farebbe spaventare chiunque”.

La mostra è accompagnata da un catalogo edito da Skira, con un vasto repertorio di immagini, il testodel curatore Luca Beatrice e numerosi interventi fra cui quelli di Renzo Arbore, Aldo Busi, Lorenzo “Jovanotti” Cherubini, Piero Chiambretti, Roberto D’Agostino, Salvatore Esposito, Ciro Ferrara, Antonio Stash Fiordispino, Enzo Iacchetti, Max Pezzali, Andrea Pezzi, Red Ronnie e di critici illustri quali Achille Bonito Oliva, Philippe Daverio, Gillo Dorfles, Martina Corgnati, Vittorio Sgarbi.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8255 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Settembre al Borgo, domani è il giorno di Enzo Avitabile

Claudio Sacco (ph Pino Attanasio)  – Il Settembre al Borgo, edizione numero 46, arriva alla penultima giornata domani 9 settembre. Sarà proprio il direttore Artistico del Festival Enzo Avitabile a

Primo piano 0 Comments

San Rufo apre le porte al contemporaneo. Sei artisti incontrano il territorio

Pietro Battarra – Ci sono luoghi consacrati alla memoria, luoghi di grande fascino che hanno dalla loro parte una storia artistica, monumentale ma anche sociale. Basta camminare per le strette

Spettacolo 0 Comments

Monti-Massironi, due donne sul palco con il marito invisibile

Alessandra D’alessandro – Il secondo spettacolo in cartellone al Teatro Comunale di Caserta è ‘Il marito invisibile’ di Edoardo Erba che ne cura anche la regia. Appuntamento venerdì 5 e

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply